Con

"Sto Bene Con Me" è un sistema integrato di differenti strumenti da me sviluppato e praticato in anni di lavoro, sostenuto da una formazione continua interdisciplinare.

Durante gli incontri individuali, osservo la persona con l'ausilio della Riflessologia Plantare Olistica per definirne un ritratto unitario: fisico, emotivo, mentale (come usa la sua parte cognitiva) e comportamentale (come agisce nella propria vita).

Attraverso alcune pressioni sui Punti dei Meridiani, una respirazione inizialmente guidata, il tocco, e semplici istruzioni verbali, insegno alla persona ad aumentare la capacità di attenzione al proprio corpo.

In modo da interrompere quei meccanismi automatici che, in particolare in alcuni momenti più intensi della vita, fanno si che ci disconnettiamo dal naturale sentire, producendo vari sintomi fisici accompagnati da stati emotivi o pensieri non utili a stare bene.

Rispetto al dolore, quasi sempre reagiamo ad esso in modo automatico: irrigidendo i muscoli, contraendo o immobilizzando alcune zone del corpo, riducendo la respirazione, con l'intento di ridurne l'impatto e l'intensità. Ma questo non funziona, anzi.

Questi sforzi ci stremano ed acuiscono il dolore e la rigidità, i movimenti sono sempre più ridotti, ed inneschiamo, senza rendercene conto nè volerlo un circolo vizioso: la nostra risposta al dolore crea altro dolore, “fissiamo” il dolore, che da sintomo saltuario può dunque diventare ricorrente o addirittura cronico.

Aumentando il nostro livello di attenzione fisica è possibile riconoscere, interrompere le nostre risposte automatiche, liberando l’energia imprigionata che fluirà liberamente nel corpo

Il dolore può quindi insegnarci a ritrovare forza, elasticità, benessere, il piacere di essere un corpo.


Portare l'attenzione al corpo

Intervista alla Manifestazione ECOFESTIVAL, Roma Parco Appia Antica




Comments